La specie Robusta, caratteristiche e storia

La Coffea Robusta è la varietà più importante della Coffea Canephora. La Canephora è una delle 90 specie di caffè esistenti, sicuramente tra le più importanti per l'economia umana, insieme alla Coffea Arabica e alla Liberica. La Coffea Robusta, a differenza di quella Arabica, non è autogama, ma ha bisogno di più piante per ottenere frutti fertili. Essa ha 22 cromosomi nel nucleo della cellula (la metà dell'Arabica, che ne ha 44) e ha origine in Congo, Uganda e Africa occidentale.

   

Le caratteristiche della pianta

Questa pianta si caratterizza per un arbusto a portamento eretto, molto alto, capace di raggiungere perfino i 10-12 metri di altezza. Le foglie sono grandi e hanno dimensioni superiori rispetto alla pianta della specie Arabica. I semi hanno forma rotonda e un colore giallastro (quelli dell'Arabica invece sono verdi). La Specie Robusta ha un alto contenuto di caffeina ed è una pianta molto resistente. Il suo nome, infatti, deriva dall'innata resistenza ai parassiti e alle malattie. Grazie a questa caratteristica la Robusta riesce a svilupparsi in ambienti inospitali, come la foresta pluviale equatoriale, dove invece le piante di Arabica, ad esempio, sarebbero attaccate da tutti i generi di malattie.

 

Il XX secolo e l'avvento della Robusta

La Specie Robusta cominciò a essere coltivata e quindi commercializzata in tutto il mondo a partire dal XX secolo. Prima di allora, l'unica specie diffusa in Europa e nel mondo era l'Arabica. La maggiore resistenza della Robusta alle malattie ne fece diffondere la coltivazione soprattutto nelle zone basse a clima caldo. I torrefattori italiani conobbero la Robusta verso la metà del 1900, preferendone l'uso nelle miscele per la famiglia. Nei bar, fino alla prima metà degli anni Cinquanta, non esistevano miscele contenenti chicchi di Robusta. Ma già a ridosso del 1960, la quantità di Robusta raggiunse il 15%.

 

Le qualità della bevanda

I chicchi di buona qualità della specie Robusta danno un caffè corposo, con acidità bassa o assente, aromi di tostato, e un retrogusto amarognolo. La specie Robusta contiene più caffeina dell'Arabica (2-2,5% contro 1-1,5% dell'Arabica). Una tazzina di caffè di solo Robusta, pertanto, può contenere oltre 200 milligrammi di caffeina.