Un’estate siciliana, in mezzo alla natura

Natura selvaggia, panorami mozzafiato, siti naturalistici dalla storia antica, meravigliosi angoli di paradiso nei quali immergersi: la Sicilia è ricca di bellezza naturale. L’estate sull’isola offre infatti tantissime occasioni per poter vivere a contatto con la natura, lontani dal caos e dalle folle. Abbiamo selezionato alcune località tra le più adatte da vivere durante la stagione estiva.

Riserve e parchi: la natura siciliana da scoprire

Riserve, parchi, percorsi per escursioni e trekking che regalano poi il sollievo e il refrigerio di laghetti o di specchi di mare incantevoli. Le oasi naturali in Sicilia sono piene di bellezza, di flora e fauna e sono luoghi ideali per chi ama la natura incontaminata. Spazi di aria pura, in cui trascorrere del tempo tra i sentieri, alla scoperta di piante, alberi, specie animali e specchi d’acqua limpidi. Dalla Sicilia occidentale a quella orientale, ci sono almeno 6 aree nelle quali trovare riparo dal caos e dalla calura estiva.

 

Tra mare e natura

Tra le oasi che coniugano mare e natura, sicuramente spiccano la Riserva dello Zingaro e quella di Vendicari. La Riserva dello Zingaro si trova in Sicilia occidentale, tra San Vito Lo Capo e Scopello, in provincia di Trapani. È un’area la cui bellezza toglie il respiro. Affacciata sul mar Tirreno, si estende sulla costa, con le sue rocce calcaree a strapiombo sul mare e le diverse calette nelle quali scendere per un bagno rigenerante. All’interno della riserva ci sono più percorsi (il più semplice è lungo 7 km), oltre a musei e alla celebre tonnara. La Riserva di Vendicari si trova invece tra Noto e Pachino, in provincia di Siracusa, e si estende lungo la costa ionica meridionale della Sicilia. Comprende tre itinerari che permettono di scoprire le diverse spiagge incontaminate e affacciate su un mare dal colore cristallino. Oltre ai siti archeologici, dentro la riserva si possono visitare l’antica tonnara e la torre Sveva, e si può fare attività di birdwatching. Vendicari è infatti luogo di passaggio e ristoro di uccelli migratori.

 

Il verde e i laghi della Sicilia

Tra le aree che invece non si trovano lungo la costa, spicca il parco dei Nebrodi, che si estende sui monti Nebrodi, tra Messina, Catania ed Enna. Si tratta dell’area naturale protetta più grande della Sicilia. Ricchissima di vegetazione e fauna, offre paesaggi spettacolari, percorsi per escursionisti, boschi estesi, aree umide come i laghi di Maulazzo e il Biviere. Bellissime anche le cascate, come quella del Catafurco, alla cui base, chiamata Marmitta dei Giganti, in estate si può fare il bagno. Sempre tra i territori di Messina e Catania, si trova un altro luogo dal fascino particolare e dalle acque rinfrescanti. Parliamo delle Gole dell’Alcantara, gole alte 25 metri e larghe dai 2 ai 4-5 metri, scavate dal fiume Alcantara. Uno scenario naturale bellissimo, ricco di piccole cascate e laghetti balneabili. Fresche sono anche le acque dei bellissimi laghetti di Cavagrande, estesa area naturale vicino Siracusa. Un canyon scavato dal fiume Cassibile, con numerose testimonianze delle antiche civiltà della Sicilia. Anche i laghetti di Cavagrande sono balneabili, così come quelli della vicina Pantalica, anch’essa situata vicino Siracusa. Attraversata dai fiumi Anapo e Calcinara, è un polmone verde, ricco di biodiversità e di scorci stupendi, sede di una necropoli e di insediamenti molto antichi.

  Insomma, la Sicilia e la sua natura aspettano chi vuole scoprirla per godersi i tanti angoli paradisiaci di questa isola. Silenzio, pace, bellezza. Tutti gli ingredienti per un’estate rilassante.