Barbera e le origini del caffè

Barbera e le origini del caffè

L’eccellenza di un nome e di una lunga tradizione si conquista con impegno, passione e con l’obiettivo di soddisfare le aspettative dei propri clienti.

Per questo Caffè Barbera, da 145 anni, si preoccupa di garantire il più alto standard qualitativo del suo caffè, curando ogni singolo passaggio: dall’approvvigionamento della materia prima, selezionata con grande attenzione, al controllo di tutte le fasi di lavorazione.

India, Africa e Centro America sono le aree di origine del prodotto che Caffè Barbera utilizza per le proprie miscele. Scopriamo più nel dettaglio le differenti zone di provenienza del caffè crudo.

Per quel che riguarda l’India, l’approvvigionamento avviene nel centro sud, più precisamente nelle regioni del Karnataka e del Kerala, dove vengono prodotti caffè “washed” (lavati) delle tipologie sia Arabica che Robusta. Con i produttori indiani l’azienda Barbera ha rapporti consolidati e ogni anno organizza viaggi in loco per garantirsi i migliori lotti prodotti.

Per quel che concerne l’Africa, l’area di riferimento è quella centrale, nello specifico l’Etiopia, dove viene prodotto un eccellente caffè Arabica naturale, e l’Uganda, paese specializzato nella produzione di caffè Robusta.

Infine, il Centro America, area di produzione di caffè Arabica lavati, d’altura, dalle spiccate note aromatiche. Guatemala, Honduras, El Salvador e Costa Rica sono tra i principali paesi di riferimento per le provviste della torrefazione messinese.

L’acquisto della materia prima da parte di Caffè Barbera avviene peraltro con modalità equo solidale, così da garantire ai produttori migliori condizioni sociali di vita e di lavoro. Una scelta di grande importanza e lungimiranza che conferma l’attenzione dell’azienda verso i problemi sociali di questi paesi.

Barbera, da oltre 15 anni, partecipa a CSC (Caffè Speciali Certificati), un’associazione nata dall’esperienza e dalla passione di un gruppo di torrefattori italiani accomunati da uno scopo importante: promuovere la cultura del caffè di qualità.

La CSC, grazie a procedure rigorose che permettono di ottenere uno standard qualitativo certo e dimostrabile, garantisce, con una propria certificazione, la filiera di prodotto dalla piantagione alla tazzina.

Per il raggiungimento di questo obiettivo, CSC organizza con i propri associati frequenti viaggi nei paesi di produzione per la ricerca dei migliori caffè prodotti al mondo.

L’azienda Barbera mostra, dunque, sin dalla fase di selezione del caffè, di non rinunciare a quei valori che ne accompagnano, dal 1870, il prestigio, la serietà e la tradizione.

Ti potrebbero interessare anche