Concluso il SIC: bilancio molto positivo.

E un riconoscimento di prestigio!

Concluso il SIC: bilancio molto positivo.

Si è chiuso martedì scorso il SIC, Salone Internazionale del Caffè, l’importante manifestazione dedicata al mondo del caffè, dove poter scoprire tutte le tendenze e le eccellenze del settore a livello mondiale. Il SIC si è svolto in occasione della XXXIX edizione di Host Milano, la International Hospitality Exhibition biennale tenutasi, dal 23 al 27 ottobre, presso Fiera Milano.

L’iniziativa ha riscontrato un notevole successo (numerose, infatti, le presenze, con prevalenza di cittadini russi e asiatici), offrendo a visitatori e operatori l’opportunità di conoscere e apprezzare tutte le novità dell’universo caffè e, soprattutto, di mettere a confronto le esperienze delle grandi aziende italiane e internazionali selezionate e presenti nei padiglioni. Un’occasione resa ancor più speciale dalla concomitanza (e vicinanza) dell’Expo, la grande esposizione universale giunta ai suoi ultimi giorni.

Caffè Barbera, naturalmente, non poteva mancare a questo importante evento, vissuto da protagonista, con un premio da incorniciare: l’azienda messinese, con i suoi 145 anni di storia è stata infatti premiata da FIPE (Federazione Italiana Pubblici Esercizi) per essere la famiglia di torrefattori più antica d’Italia. Un riconoscimento prestigioso a una tradizione che si tramanda di generazione in generazione, giunta oggi alla sesta, mantenendo inalterate la passione per il proprio lavoro e l’attenzione alla qualità del caffè.

Durante i giorni della fiera, sono stati tantissimi i visitatori accorsi allo stand Caffè Barbera dove l’azienda ha presentato i propri prodotti e le tantissime novità, come la nuova linea “B1870”, resa nota al pubblico proprio in occasione del SIC.

Inoltre, sono state presentate le nuovissime confezioni in metallo: la Pregiata da 2 kg e il Bio grani rivolte ai bar, e le lattine di Moka Arabica, Moka Dek, Moka Bio da 250g, con abbinate le relative tazzine rispettivamente di colore nero, azzurro e verde. Una particolare attenzione è stata dedicata proprio alla nuovissima miscela Bio, che, nella coltivazione, produzione e lavorazione, segue e rispetta gli standard più rigorosi della filiera biologica.

Vero fiore all’occhiello dello stand di Caffè Barbera è stata poi l’esposizione dei chicchi di crudo certificati CSC, provenienti dai differenti paesi d’origine. Un’esposizione che è riuscita a catturare l’interesse e la curiosità di visitatori e competitors, oltre che dei diversi media presenti alla fiera.

Un bilancio, dunque, davvero molto positivo per l’antica azienda messinese che, dopo il Sigep di Rimini, ha vissuto un’altra grande occasione per incontrare gli appassionati di caffè e per confrontarsi con gli altri operatori del settore, scambiandosi esperienze e contatti, molto importanti per chi guarda sempre avanti puntando sulla qualità e sul confronto con il mercato.

Ti potrebbero interessare anche