Pistacchio di Bronte

Territorio

La Sicilia è una terra unica, un'isola nella quale coesistono tante meraviglie naturali. Il mare, le catene montuose, le piane rigogliose, verdi in inverno e gialle in estate. E poi, naturalmente, l'Etna. Proprio alle pendici occidentali del Vulcano, la Sicilia offre uno dei suoi tanti prodotti naturali divenuti un'eccellenza assoluta. Parliamo del pistacchio verde di Bronte, o semplicemente pistacchio di Bronte.

Un prodotto siciliano DOP 

Il pistacchio verde di Bronte ha ottenuto la Denominazione di Origine Protetta (DOP), nel 2009. Ciò richiede il rispetto di una serie di criteri precisi per la coltivazione e la produzione. Il pistacchio viene coltivato e prodotto principalmente nel territorio della cittadina etnea di Bronte, che ha saputo trarre vantaggio dall'unicità di questo prodotto. Altre zone di produzione, nel rispetto dei rigorosi criteri previsti dal disciplinare DOP, sono i vicini comuni di Adrano e Biancavilla. In tutto, oltre 3500 ettari di terreno (il 90% della produzione siciliana di pistacchi). Sono 5000 i produttori di pistacchio nell'area di Bronte e una ventina le aziende di lavorazione. L'economia del paese etneo ha ricevuto da questa attività un'enorme fortuna, al punto che questo frutto pregiato è stato definito "oro verde". Un "oro" che frutta ogni anno un profitto complessivo di 35/40 milioni di euro.

La coltivazione e la raccolta 

Nonostante il suo successo a livello internazionale, il pistacchio di Bronte viene ancora coltivato e raccolto con i metodi tradizionali. Sempre secondo indicazioni precise che lo rendono unico al mondo e lo distinguono dalle imitazioni presenti sul mercato. L'unicità del pistacchio di Bronte deriva innanzitutto dalla particolarità del clima e del terreno in cui viene coltivato. Gli alberi crescono in modo naturale, a un'altitudine compresa tra 300 e 900 metri, in un terreno composto da dure rocce laviche. La raccolta del frutto avviene tra agosto e settembre, ogni due anni, in modo da non stressare le piante, e viene eseguita con metodi tradizionali. I pistacchi vengono raccolti a mano e poi fatti essiccare per circa 3-4 giorni. Una volta essiccati vengono eliminati il guscio e la buccia.

Le caratteristiche 

Anche se lo consideriamo un frutto, in realtà il pistacchio è il seme della Pistacia vera, una pianta molto antica.  Rintanato nel suo guscio, protetto da una sottile pellicola viola, quando il pistacchio si schiude mostra la sua splendida colorazione verde smeraldo. Il frutto è allungato, resistente sia alla siccità sia al freddo, e ha un sapore intenso e dolce, caratteristica tipica del pistacchio di Bronte. I pistacchi dal gusto salato, infatti, non sono di Bronte, ma sono imitazioni.

Dall'Etna al mondo 

Dalle pendici dell'Etna, questo frutto dalle caratteristiche uniche e dal sapore inconfondibile è arrivato ovunque. Il pistacchio di Bronte è divenuto uno dei prodotti enogastronomici italiani più ricercati. Viene utilizzato per insaporire alcuni pregiati salumi siciliani, ma anche per realizzare prodotti molto apprezzati e amati. Dal pesto di pistacchio per condire la pasta, alla crema dolce di pistacchio, fino al gelato artigianale realizzato con la pasta di pistacchio di Bronte. E non solo: il pistacchio è un ingrediente strepitoso per gustosissimi biscotti, per cioccolato, paste, bevande, ecc.

Una ricchezza inestimabile, un trionfo di gusto, un'inimitabile eccellenza siciliana.

Domenica Lunedi Martedì Mercoledì Giovedi Venerdì Sabato Gennaio Febbraio Marzo Aprile Può Giugno luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre